Please return following links to the footer:
Designed by Death Metal News, thanks to: Managed VPS Hosting, is all you ever need and SJThemes.com
Biografia

Biografia

ØEN è l’acronimo di Zero Estensioni Neuronali, nome che nulla ha a che vedere con l’arte dello Zen orientale, quanto piuttosto con un ironico (e onirico) invito all’abbandono emotivo in favore della musica, che solo “spegnendo” neuroni e cervello può fluire in modo dirompente e diretto, senza ostacoli di preconcetto o prevenzione.

Sostenuti da accordi alterati e sospesi – tra pop-rock e canzone d’autore –, i brani degli ØEN suonano dunque come un invito all’abbandono e al viaggio profondo nell’emotività. Radicali, essenziali, a tratti cinici, i loro testi, che schivano il pensiero abitudinario con una ricerca poetica senza compromessi, raccontano dell’imperfezione che vive in ciascuno e delle paure “antiche”.

La loro musica si affaccia sull’inconscio e restituisce, con immagini intense, crude e spesso visionarie, un mondo di fragilità umane “narrate” tra suoni e costruzioni armoniche futuristiche e tradizionali;dal rock al pop solo con la necessità di raccontare gli “equilibrismi abituali” di ogni persona. Il progetto ØEN Zero Estensioni Neuronali nasce a Roma nel 2004 dall’esigenza e dalla volontà del fondatore Piero Ducros D’Andria di creare e suonare qualcosa che guardasse oltre i classici canoni della musica nostrana. Una commistione di generi e sonorità che potesse rendere più appetibile e moderno il proprio viaggio musicale.

Nel corso degli anni ØEN alterna collaborazioni con diversi musicisti e altrettante formazioni live, partecipando a innumerevoli manifestazioni musicali su tutto il territorio nazionale. Nel marzo 2006 sono semifinalisti per Musicultura, e sono successivamente invitati dall’Ateneo dell’Università di Macerata (che ne presiede parte della Giuria) ad esibirsi, riconoscendo “valore etico e culturale al lavoro letterario e musicale”. Nello stesso anno motivo d’orgoglio è la composizione del brano “Mondotondo”, sigla della manifestazione benefica “Kids for Kids” finalizzata alla raccolta fondi  per l’associazione Save The Children.

Nel 2007 vengono notati da Guido Elmi (produttore di Vasco Rossi) che, riconoscendone l’intensità e la particolarità nella composizione e negli arrangiamenti, mette la band sotto contratto per la sua etichetta NOPOP, producendone alcuni brani inseriti in “Bands” la prima pubblicazione del gruppo sotto etichetta (NoPop/Emi). Del brano “Psiconauta” viene prodotto e girato il clip che entra in rotazione su MTV e All Music, oltre a fare una fugace apparizione sulle reti RAI in alcuni TG. Durante l’anno continuano le innumerevoli partecipazioni a contest musicali tra cui “Musica Controcorrente”, il “Pieve Rock Festival”  e “Live Link Festival “che il progetto ØEN  vince. Tra le altre esibizioni ricordiamo quelle presso l’Auditorium “Parco della Musica”  e Santa Cecilia a Roma.

Nel 2008 ancora sotto contratto con Guido Elmi vengono contattati dall’inglese Mick Glossop (produttore discografico e tecnico del suono per gente come Frank Zappa, Public Image Ltd, Van Morrison, The Waterboys, Paul Brady, Ian Gillan, John Lee Hooker e Lloyd Cole), che, ascoltando loro materiale dal web, si candida come produttore. Le sonorità di ØEN sono cosi congeniali al sound engeneer e producer inglese da invogliarlo a proporsi direttamente alla band come nuovo produttore artistico.

Malgrado la voglia della band di lavorare a questa esperienza, il rapporto con  Guido Elmi si interrompe da lì a poco a causa della decisione dello stesso Elmi di chiudere la sua etichetta. Di fatto da una parte impossibilitati a sostenere economicamente i costi di un’autoproduzione in terra britannica e dall’altra a proseguire il rapporto con la NOPOPØEN  interrompe i rapporti sia con Elmi che con Glossop (che tuttavia rimane un eccezionale punto d’orgoglio nella carriera artistica della band).

Nel 2009 si unisce alla formazione la voce di Simone Patrizi (già cantante con alle spalle un album, un terzo posto per  “San Remo Giovani”, alcune collaborazioni in ambito Pop tra cui Mariella Nava e Massimo Di Cataldo e la  partecipazione al reality televisivo presentato da Simona Ventura “Music Farm”) che aveva già apprezzato il sound della band suonando dal vivo come ospite in un paio di occasioni. La sua voce è ormai matura a incarnare le tematiche care a ØEN e la sua fusione con la musica è sorprendente.

Nel 2010 si dedicano interamente alla composizione, alla scrittura ed alla “reinvenzione” di alcuni brani finalizzati alla presentazione dell’innovativo e originale spettacolo teatrale Loop con parlato introduttivo”, in cui il repertorio della band viene eseguito interamente dal vivo in  chiave acustica (con l’utilizzo sporadico di campionamenti in tempo reale) e introdotto da brevi monologhi recitati come introduzione ai brani da un attore professionista. L’idea nasce dalla volontà di adattare per la prima volta un testo teatrale a un repertorio originale “pop-rock” già consolidato, invertendo la consuetudine che sia la musica a “dovere” essere composta su un testo teatrale.

Nel 2011 l’attività live si intensifica con il supporto collaborativo di amici e colleghi quali Andrea Pistilli (già chitarrista per Baglioni, Ron, Dalla, Mannoia, Zero e tanti altri) e Andrea Di Cesare (già violinista per Carmen Consoli, Niccolò Fabi, Daniele Silvestri, Negramaro, Paola Turci, Giorgia, Max Gazzè, Marina Rei, Ron, Renato Zero e tanti altri). Anche Mauro Dori (sintetizzatori, fonia e percussioni ) si unisce a Ducros D’Andria e Patrizi. ØEN diventa un trio.

Nel 2012 ØEN scrivono, compongono, arrangiano ed eseguono il brano/title track  “Giusto o sbagliato” per il film “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato” di Salvatore Allocca e Daniela Cursi, prodotto da Home Film e distribuito Fox in tutti i cinema d’Italia, raccogliendo consensi ovunque per la qualità del pezzo. Il film include come interpreti Francesca Inaudi, Giulia Bevilacqua, Giorgia Surina, Enrico Silvestrin, Alessandro Bianchi e Michelangelo Pulci.

Nel 2013 inizia la pre produzione (musicale, grafica ed artistica) de “La Porta Stretta”: l’album si sviluppa su 10 tracce dalle tematiche personali ed arrangiamenti cesellati.

Nel 2014 viene siglato l’accordo di distribuzione mondiale con Sounday Music .

La pubblicazione dell’album avviene il 13 gennaio 2015 (prodotto da Erratica Music e distribuito da Sounday), anticipato dalla pubblicazione di un primo singolo a novembre 2014. Si girano inoltre i clip di alcuni brani contenuti nel disco. 

A fine 2015 arriva la pubblicazione del lavoro “La Porta Stretta” e la conseguente vittoria del Premio Lunezia come “Migliore Album d’Esordio” per “l’alto valore musicale e letterario” de “La Porta Stretta”

Nel 2016 ØEN promuovono il proprio lavoro a livello radiofonico, video (realizzando ben 5 clip da diffondere nel tempo) e in attività dal vivo.

L’attuale formazione è composta dal fondatore Piero Ducros d’Andria (composizioni, arrangiamenti, bassi/chitarre) con la collaborazione di Simone Patrizi (voce).

Vai alla DISCOGRAFIA degli ØEN – Zero Estensioni Neuronali
https://widestass.com/search/milf/